Blog: http://controaliseo.ilcannocchiale.it

Cari assessori del Pd, prendetevi le vostre responsabilità politiche, se non vi dispiace

L'AQUILA. Allora, allora, allora: poi dice che uno non capisce! Diramava poco fa dal Palazzo post-sisma del Comune capoluogo d’Abruzzo che si chiedeva alla “Regione Abruzzo di convocare urgentemente un tavolo con i Comuni per affrontare definitivamente l'adeguamento del costo dei servizi degli operatori sociali, per coprire la differenza tra i costi base sanciti nel 2012 e la tariffa attuale, adeguata agli scatti Istat e di rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro.”

Firmato due assessori dell’Aquila di sinistra: uno di rifondazione Comunista (Pelini) l’altra (Di Giovambattista) se non vado errato della maggioranza che sostiene il sindaco del Pd. Si tratta nientemeno, hanno dichiarato, di “un'operazione di coscienza, alla quale il Comune dell'Aquila, già dal prossimo affidamento, in procinto di essere pubblicato, sopperirà con grande responsabilità, cosa che devono fare, per forza, tutti gli altri Comuni se vogliono garantire servizi essenziali a quella parte di popolazione svantaggiata”

Così continuando: “I tagli operati a livello nazionale e regionale sulle politiche sociali, non possono, non devono frenare, quanto un buon Comune può e deve fare per essere ritenuto tale.”

Bene bene bene, anzi, male malissimo. Allora questi tagli al sociale ci sono. Non sono opera dei “gufi”, bensì proprio di chi usa spavaldamente di dar del gufo a chi dissente. Ma chi sarà, egregi assessori, quel “livello nazionale” e “regionale” che opera in disfavore della popolazione svantaggiata tagliandone i servizi? Per caso non si chiamano, politicamente, Renzi e D’Alfonso? Per ipotesi non è il loro operato frutto della politica del Pd? Ed allora troppo facile contestare a livello locale ciò che si è votato, apprezzato e rivendicato a scala regionale e nazionale. Delle due l’una: o avete proposto agli elettori di votare politiche sbagliate oppure cercate ora di criticare ciò che voi stessi condividete a livelli più alti.

E no, così è troppo facile! Prendetevi la vostra parte di responsabilità politica, cortesemente!

Pubblicato il 1/9/2015 alle 11.59 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web